NOTIZIE Home / Notizie

AREA NOTIZIE

Tassi, la Bce taglia. Cosa cambia per i mutui: guida ai risparmi

Image
  • 05-09-2014

Tassi, la Bce taglia. Cosa cambia per i mutui: guida ai risparmi

Una mossa attesa e anticipata dai mercati. Che comunque hanno festeggiato anche ieri (+2,8% in Piazza Affari) dopo l’annuncio ufficiale della Banca centrale europea che ha tagliato i tassi allo 0,05%. Il minimo dei minimi, l’affermazione che nonostante tutti i distinguo, l’Europa farà di tutto per scongiurare la paralisi dell’ec0nomia, in agguato dietro al cattivo mix di deflazione e assenza di crescita. Ma che cosa cambia ora nelle tasche delle famiglie e per le imprese? Il segnale politico è importante, la variazione è quasi impercettibile perché, appunto, il traguardo a un passo dallo zero si è raggiunto pian piano. Le grandezze con cui si devono confrontare padri di famiglia e imprenditori si sono modificate moltissimo nell’ultimo anno e mezzo I mutui per la casa, anche considerando lo spread aggiunto dalle banche che ora oscilla intorno al 2% dopo essere stato anche più del 3%, sono ben più abbordabili. Ma per averne uno bisogna essere considerati solventi (e tanti lavoratori precari non lo sono) e soprattutto mettere sul piatto la metà del valore dell’immobile. Anche per le aziende il costo del credito è calato, ma non tanto da giustificare (per ora) una gran voglia di investire e di fare. La speranza è che, oltre al simbolico nuovo taglio del costo del denaro, l’annuncio ed eventualmente la messa a punto delle misure straordinarie per dare liquidità al mercato di cui ha parlato Mario Draghi possano bastare per rimettere in moto la fiducia